Benvenuti in Sottolestelle,
lo specialista dei prodotti biologici
senza uova e senza latte

Attualmente sei su:

Cerca nel Sito
Punto Vendita

Punti Vendita

Sottolestelle ha una rete di punti vendita in continua espansione in tutta la penisola...


Dettagli
Area Riservata

Area Riservata

Accesso alle aree riservate del sito.


Clienti
 

Norme dietetiche per abbassare il colesterolo

Tratto da il "medico e paziente" numero 10/1998

  • Ridurre il consumo giornaliero di alimenti ricchi di colesterolo; l'apporto di colesterolo non deve superare i 300 mg al giorno.
  • Limitare l'assunzione di uova a un massimo di due alla settimana, in quanto un tuorlo d'uovo contiene circa 250 mg di colesterolo.
  • Non associare al consumo di uova quello di altri alimenti ricchi di colesterolo ( insaccati, formaggi e carni rosse, nell'altro pasto è preferibile consumare pesce, legumi o carni bianche con pasta, pane ortaggi e frutta.
  • Utilizzare olio extra vergine d'oliva e oli vegetali per il condimento dei cibi, evitando burro, margarina, lardo e strutto.
  • Evitare gli oli di palma e di cocco IDROGENATI, che sono oli vegetali ad elevato contenuto di grassi saturi, di cui sono ricchi i prodotti da forno e in generale i dolci e i biscotti dell'industria, ove spesso sono indicati semplicemente con oli vegetali.
  • Per la cotture e la frittura è preferibile utilizzare l'olio di oliva o, in alternativa, olio di semi di arachide; gli altri oli vegetali ( di girasole, di soia, di mais, di sesamo) devono essere consumati preferibilmente a crudo.
  • Aumentare il consumo di legumi, ceci, fagioli, lenticchie e fave, di verdure e ortaggi e di frutta fresca.
  • Aumentare il consumo di pane e pasta, preferibilmente integrali, in quantità controllate se coesistono problemi di sovrappeso, evitare la pasta all'uovo.
  • Abolire o ridurre drasticamente il consumo di dolci, biscotti, creme, panna, gelati, torte, merendine, patatine fritte, caca e cioccolato.
  • Evitare gli insaccati, limitandosi al consumo occasionale di prosciutto crudo o cotto magri, eliminare la parte grassa.
  • Abolire le frattaglie cervello, fegato, cuore e rene di bovino, trippa.
  • Ridurre drasticamente il consumo di formaggi, a eccezione della ricotta di vacca e di pecora e dei formaggi light; assumere latte parzialmente o totalmente scremato e yogurt magri.
  • Consumare una porzione di 200 grammi di pesce due volte la settimana, in particolare merluzzo, pesce azzurro e salmone, evitando i crostacei.
  • Aumentare, in modo controllato se coesiste un problema di sovrappeso, il consumo di frutta oleosa, arachidi, mandorle, noci e nocciole
  • Assumere integratori ad alta concentrazione di fibre idrosolubili ( psyllium, gomme, mucillagini, glucomannani, galattomannani come il guar) con intervallo di 3-4 ore dalla eventuale assunzione di altri farmaci, nel cui assorbimento possono interferire.
  • Ripristinare e mantenere il peso fisiologico abituale, associando un regime dietetico a un programma di attività fisica.
  • Non consumare più di 3 tazzine di caffè al giorno, evitando quello decaffeinato, che ha un effetto ipercolesterolemizzante.
  • Evitare di consumare alcool; tuttavia per coloro che lo gradiscono, è opportuno non superare il limite di 1 bicchiere di vino al giorno per le donne e 2 bicchieri per gli uomini.
  • Frazionare i pasti, preferibilmente in 6: prima colazione, spuntino di metà mattina, pranzo, merenda, cena e spuntino serale, perché tale distribuzione dei pasti determina una riduzione dei livelli di colesterolo.
  • Abolire la maggior parte dei prodotti da forno che contengono elevate quantità di colesterolo perché utilizzano tuorli d'uovo, burro, latte intero e in genere grassi saturi. Abolire i cibi dei fast-food.

Tratto da il "medico e paziente" numero 10/1998 scheda da fotocopiare per il paziente