Benvenuti in Sottolestelle,
lo specialista dei prodotti biologici
senza uova e senza latte

Attualmente sei su:

Cerca nel Sito
Punto Vendita

Punti Vendita

Sottolestelle ha una rete di punti vendita in continua espansione in tutta la penisola...


Dettagli
Area Riservata

Area Riservata

Accesso alle aree riservate del sito.


Clienti
 

Prevenzione primaria delle malattie cardiovascolari

Doppio click per ingrandire

Rimpicciolisci
Ingrandisci

Prevenzione primaria delle malattie cardiovascolari

07/04/15


Questo opuscolo nasce dalla collaborazione fra Sottolestelle, azienda di produzione
e distribuzione di alimenti biologici e il Dott. Antonio Facciorusso, dirigente
medico della UOC CARDIOLOGIA - UTIC presso l’Ospedale ‘Casa Sollievo della
Sofferenza’ di San Giovanni Rotondo.
L’obiettivo di questo libricino è di fornire informazioni sulla prevenzione primaria
delle malattie cardiovascolari, cioè l’insieme delle misure messe in atto nelle
persone che non hanno ancora avuto la malattia, per evitarla. Sono elencati i fattori
di rischio, ossia quelle caratteristiche che, se presenti in un soggetto esente da
manifestazioni cliniche della malattia, predicono la probabilità di contrarre una
malattia cardiovascolare.
Un importante punto della prevenzione delle malattie cardiovascolari è una sana
alimentazione. La dieta ha effetti favorevoli sulla pressione arteriosa, sul peso
corporeo, sul metabolismo glicidico e lipidico, etc. Diversi elementi presenti
nell’alimentazione sono in grado di prevenire l’aterosclerosi (es. grassi polinsaturi),
ma vi sono altri elementi che la favoriscono (es. grassi saturi). Bisogna scegliere
prodotti sani e naturali, poveri di grassi e di sale.
Seguire una dieta sana e naturale, abbinata ad una regolare attività fisica, aiuta
a ridurre alcuni fattori di rischio delle malattie cardiovascolari, quali: obesità,
sindrome metabolica, pressione arteriosa, dislipidemia, sedentarietà. Inoltre è
consigliabile ridurre il consumo di cibi ricchi di grassi animali, come carne, burro,
salumi, formaggi, tuorlo dell’uovo, poiché aumentano le lipoproteine LDL (c.d.
colesterolo cattivo). Viceversa è consigliabile il consumo di cibi di origine vegetale
che non contengono colesterolo



Scarica il libricino



Torna all'Archivio News